articolo ripreso da portalecce

Come Lecce anche Turi, la bellissima città dell’entroterra barese, sorella del capoluogo salentino nel culto oronziano, si appresta a vivere la propria festa patronale.

 

 

Una festa certo diversa dal consueto ma non meno significativa. “Nel rispetto delle norme di distanziamento sociale attualmente vigenti – spiega l’arciprete don Giovanni Amodionon sarà possibile organizzare le storiche processioni che tanto caratterizzano queste giornate. Forse il Signore sta mettendo alla prova la nostra fede. Forse, come dice la Scrittura, ci sta saggiando come oro nel crogiuolo per farci risplendere di luce nuova. Quest’anno impareremo ad assaporare il cuore della devozione e ad incrementare la fede in Dio e Sant’Oronzo anche senza i tradizionali momenti di gioia. Del resto, l’uomo vede l’apparenza ma il Signore guarda il cuore”.

 

117265419 169475324636687 3769894868642808130 o

 

Non sfilerà dunque il carro trionfale. Evento che segna uno dei momenti più attesi della festa turese ma rimane confermata la sacra undena nelle periferie della cittadina. Un’intensa iniziativa di preghiera che mostra concretamente come il santo faccia visita ai suoi figli turesi recandosi, attraverso la sua amata immagine, nei diversi quartieri residenziali.      

 

117267807 169475247970028 1844089857268751711 o

 

In ogni caso, la celeste benedizione del martire sulla sua Turi ha prodotto un altro miracolo. Domani, sabato 15 agosto, con una solenne celebrazione in Piazza Silvio Orlandi, riapriranno finalmente le porte della locale chiesa matrice, dedicata alla Vergine Assunta in Cielo, proprio come la cattedrale leccese. “Sono trascorsi più di due mesi di inteso, attento e professionale lavoro – continua don Amodio – in cui si è provveduto a risanare e ritinteggiare le due navate laterali e le pareti della navata centrale. È stata un’opera impegnativa ma che ha reso più luminosa e splendida la casa di Dio e la nostra casa. È stata un’altra notevole azione di recupero che si unisce al primo grande restauro del 2006 che interessò il campanile e le coperture delle navate. Questa chiesa è un monumento della nostra fede ed abbiamo il dovere e la responsabilità di consegnarla alle future generazioni”.

 

117197247 169475304636689 2277579147125838944 o 2

 

Ovviamente, non solo quelle turesi. La matrice di Turi infatti è ormai divenuta uno dei principali centri di irradiazione del culto oronziano a livello regionale ed è considerata dai devoti come un autentico scrigno di tesori, soprattutto da quando ha l’onore di custodire, a nome di tutte le comunità che venerano Sant’Oronzo, un frammento della reliquia di Nona attribuita al protovescovo appulo.

 

117246164 3218396214872612 137990032917233876 o