articolo ripreso da portalecce
e scritto da Andrea Pino
[ad_1]

È stato celebrato l’altra sera, in duomo, il Giubileo Oronziano per il mondo della scuola. A presiedere la solenne cerimonia liturgica, il vescovo di Oria, mons. Vincenzo Salvatore Pisanello.

 

 

 

Presenti all’evento anche l’arcivescovo di Lecce, mons. Michele Seccia, il direttore dell’ufficio per l’insegnamento della religione cattolica, don Alessandro Saponaro, il coordinatore della commissione giubilare don Michele Giannone ed il parroco della cattedrale del capoluogo salentino don Flavio De Pascali. Nell’omelia (LEGGI), mons. Pisanello ha voluto riflettere sul tema della verità.

La nostra è un’epoca caratterizzata dallo scetticismo nei confronti della verità – ha dichiarato il pastore galatinesea questo proposito non possiamo dimenticare i tanti appelli di Papa Benedetto XVI a guardarsi dal relativismo cioè dalla tendenza a ritenere che non ci sia nulla di definitivo ed a pensare che la verità scaturisca dal consenso dei più o, ancor peggio, dai nostri desideri. Non si può ritenere che la verità sia democratica, cioè a maggioranza di consensi. Nè tanto meno che ognuno possa avere una propria verità, capace di rispondere ai propri bisogni senza tener conto degli altri e delle necessarie relazioni che con essi si devono instaurare“.    

Racconto per immagini di Arturo Caprioli

[ad_2]