Il racconto della festa che ha aperto il Giubileo Oronziano a duemila anni dalla nascita del primo vescovo di Lecce