articolo ripreso da portalecce
e scritto da Andrea Pino
[ad_1]

Nella scia delle celebrazioni dell’Anno Giubilare Oronziano, già iniziate il 26 agosto del 2021, ecco avvicinarsi di un altro evento significativo: il Giubileo dell’Università.

 

 

 

Come risaputo, il Giubileo Oronziano è stato voluto dall’arcivescovo Michele Seccia, per ricordare l’anno di nascita (22 d.C.) di colui che è ritenuto il primo battezzato della nostra terra, la pietra di fondazione della Chiesa locale, il primo testimone della fede nella regione.

Per questo la celebrazione del Giubileo, anche quello dell’Università, acquista il significato di un ritorno alle origini, ai primi cristiani che hanno dato vita alla Chiesa di Lecce, per riportare alla luce le radici più antiche e profonde del cristianesimo pugliese.

Per prepararci a questo evento giubilare è stata programmata una prima “tappa di avvicinamento” che consisteva in un incontro di lancio con gli studenti dell’Università. L’incontro si è tenuto ieri sera presso la chiesa rettoriale di Cristo Re, in Lecce. Sono intervenuti gli studenti dell’Istituto superiore di scienze religiose metropolitano (Issrm), i movimenti ecclesiali e le associazioni cattoliche e giovanili presenti in Università, i giovani che risiedono presso il “Pastor Bonus” o altre strutture di accoglienza tenute dalle religiose.

Oggi 5 maggio, sarà la volta dei docenti e del personale tecnico-amministrativo. È previsto un incontro stamattina l’aula seminari – Dipartimento di storia dell’uomo – Studium (1° piano) per il Polo Urbano e alle 12, presso l’Aula M3 del Fiorini, per il Polo extra urbano (Ecotekne).

La prossima settimana ci sarà un altro incontro di preparazione, presso la Stecca – Facoltà di Ingegneria (Ecotekne) con i dottorandi in fisica.

La seconda “tappa di avvicinamento” avverrà proprio il 12 maggio, giornata programmata per il Giubileo dell’Università. Appuntamento per tutti i partecipanti presso il salone dell’episcopio alle 18. Il prof. Marco Piccinno terrà un breve conversazione sul senso del Giubileo Oronziano, seguirà una preghiera comune e infine il passaggio della Porta Santa che introdurrà alla celebrazione eucaristica prevista per le 19.

Presiederà la celebrazione mons. Domenico Caliandro, arcivescovo di Brindisi-Ostuni, presidente della commissione episcopale per la dottrina della fede, l’annuncio e la catechesi nonché delegato per la catechesi. Accanto a lui concelebrerà l’arcivescovo Michele Seccia e i cappellani di UniSalento, i Missionari Oblati di Maria Immacolata che hanno una comunità nella città di Lecce

Il Giubileo dell’Università arriva in un momento storico particolare, quando ancora la pandemia e soprattutto la guerra in Ucraina stanno seminando nel cuore di tanti non poche paure, incertezze, sospensioni e timori per il futuro.

La preghiera comune non può non essere per chiedere insistentemente la pace – come vuole Papa Francesco – per tutti i focolai di guerra che ci sono nel mondo in questo nostro tempo.

[ad_2]